Carla Tiengo - gruppoartistidellasaccisica

Go to content

Main menu:

Poetry

[image:image-1]vive ad Arzergrande. La pittura e la poesia sono le sue passioni: con i quadri intervenne a diverse collettive vincendo una medaglia nel 1980 al Premio Campagnola, ma è con la poesia che fa parte del gruppo Artisti della Saccisica da tre anni partecipando alle pubblicazioni di questo periodo. Scrive monologhi che raccontano di tempi da poco passati e versi in italiano e in dialetto padovano.





_____works___________________________



 
TRA  I  MONTI
 
 
Nel silenzio di un altro tempo,
 
fra essenze di resine e muschio
 
col fascino di rocce immortali,
 
in verdi pascoli, dove il presente
 
danza al ritmo della consuetudine,
 
una conferenza di campanacci
 
propone l’argomento quotidiano:
 
lavoro inquietante ed adattamento.
 
Corrono tra i monti e di valle in valle
 
le antiche memorie tramandate,
 
che raccontano di fatiche estreme,
 
di sacrifici e solitudine,
 
di giorni segnati con il sudore
 
sul calendario dell’esistenza,
 
di rassegnati sospiri alla luna,
 
ma il muggito deciso
 
di una vita, che prepotente s’affaccia,
 
traduce la stanchezza in sorriso.  
 

SLALON
 
 
Xe vegnù in voga
 
andare a spasso insieme al cagnoin
 
grosso o ridoto, de rassa o bastardin,
 
de sicuro no sbaglio,
 
basta avere ’na bestioea al guinsajio.
 
Come putei i veste d’inverno:
 
paltò, braghete, majonsini
 
desmentegando chel Padreterno,
 
nea inmensa generosità,
 
sin da picinini eà peicia ghe ga regaeà.
 
El passejin i conpra parfin
 
e ti ingenuo incontrandoi par strada
 
sa te si chinà col soriseto,
 
pensando de vedarghe dentro un toseto,
 
invesse indrio te scati inpressionà
 
presentandosse el ghigno del can.
 
“Oscar seduto!” “Obbedisci Tobias!” “Su Tommy!”
 
Gavio fato caso ai nomi?
 
Dove xei finii i cari Bobi e Fido?
 
“Ma insoma! Miga te vorè
 
mostrarte cossì demodè, digo?!”
 
Mondo roverso!
 
Anche se ’ndemo fora par fora
 
l’inportante: essare aea moda,
 
comunque in fine de tuta eà storiea
 
salta ai oci eà mancansa de ’na rodea:
 
sti animai ormai umanisà
 
che i passa soto ’e man
 
dei più bravi adestratori
 
vegnendo istruii mejo dei nostri fioi
 
co riva el momento, scuseme eà audacia,
 
sul marciapiè i so ricordi i assa,
 
i paroni, varda un fià,
 
che aea scuoea dea bona creansa i ga rinuncià,
 
el slalon gigante i fa fare.
 
Qua me fermo
 
preferisso no dire altro,
 
ché de questo saria poco educato parlare.


I  TENPI  ’NDA

 
 
 
Dì de un quo i putei nel bonbaso i vien su
 
cocoeà, vissià, vestii ben, co ogni comodità
 
e se se poe tanto de più.
 
Par ’ndare a scuòea conpagnà in machina i xe
 
anche se i ga ’na distansa de do passi,
 
altro che ’na volta
 
che i doveva fare chiometri a piè
 
soto eà tenpesta, el vento, eà piova
 
e co ’na strada de paltan e sassi.
 
De serto no i calsava
 
scarponsini inbotii de peo e firmà
 
aeòra ’e sgalmare de legno i portava
 
e col fredo i se trovava co i piè tuti giassà.
 
Questa eà jera sa ’na bruta situassion,
 
ma no bastava ancora
 
parché averli cossì par ’na intiera stajon
 
’e buganse faseva vegnere fora
 
e sgionfi e vioea i deventava
 
co ’e piaghe tuto l’inverno vanti i ’ndava.
 
Adesso i picoi i frigna ore
 
se par caso ghe spunta ’na vessigheta
 
par colpa d’un paro de scarpe nove,
 
jeri co quei che a do saeàdi i somejava
 
i zogava in meso àea neve fieri e contenti,
 
el mae ghe jera però pochi i lamenti.
 
’E mame indafarà e piene de fioi
 
stare drio ai so pianti no e podeva
 
e eòri abituai a cavàrsea da soi
 
in te sto modo forti e responsabii i cresseva.
 
E adesso disime qua:
 
xe mejo sti ani o i tenpi ’nda?  




CASANOVA

Imbrata d’argento
eà luna stasera
e nastri de seda
eà srodoea nei fossi,
do diamanti de fogo
i deventa i to oci.
Sfritega in corpo eà frenesia
sensa retegno
da mi te ve via
e baldansoso te cori
in serca de novi amori.
Quando che l’astro,
sassio de tanta beessa,
da drio al campanie
el va a riposare,
un fià sbarossà,
ma tuto contento,
te bati aea porta
del to convento
e mi mesa indormessà
me strassino fora
dal caldo del me letin
par tore dentro, rassegnà,
el casanova
del me gatin.




EL  SENSO  DEA  VITA

Disime voialtri, o vati del tempo,
disime el senso dea vita
butà là fra doeori
e poche sodisfassion:
nassemo piansendo,
morimo sigando,
in meso lavoro
e deà no se sa.
Se sùea tera ghemo sòeo triboeamento
vuto vedare che ne staltro mondo
ghe xe tuto divertimento!
O mi,che eà sfortuna me core drio,
fin che i altri se gode el beo,
sarò quea che ghe tende el puteo?!




MARZO


Già il tepore scavalca la brina
affonda aliti
fra pieghe arse della terra
a ridestare antichi riti
nei solchi, che fremono
oltre ogni ostilità.
Riemerge prepotente il risveglio
racchiuso nel gocciolio
del tempo dell’attesa
a dissetare nuove speranze,
che raccontino d’abbondanza.
Ammutolisce l’animo stupito
nel succedersi puntuale delle stagioni.
A capo chino
sgrano giorni in devote preghiere
impresse in cristalli di ghiaccio,
che solo la fede profonda
potrà sciogliere in gratitudine
verso l’Altissimo
per un così preciso disegno del creato.





PETALI  VAGABONDI

Spezzato è il silenzio
da mani vissute,
che si aggrappano a specchi infranti.
Echeggiano voci dimenticate
a solleticare memorie
lasciate all’alba del tempo,
come bimba curiosa
mi accompagnano
in quella dimensione,
sospesa fra cielo e terra,
dove l’ispirazione
rimetterà i pensieri
sulla giusta via.
…e saranno petali vagabondi
i versi che raccoglierò
ne riempirò cesti di rugiada,
che l’estro benevolo fonderà
in gocce d’avventura.
…e saranno parole concepite
con brividi di passione,
che rapiranno la ragione
la condurranno
in lidi ritrovati,
come acqua di fonte
sgorgheranno sciolte,
s’insinueranno
tra il disordine degli anni,
buttati alle spalle,
a recuperare con amorose dita
ciò che resterà della mia vita.




VENEZIA  


Superba ninfea
sorgi dall’acqua sublime
fra intarsi d’indicibile magnificenza
dove onde curiose frugano
e nostalgiche maree,
richiamo di sguardi increduli,
affondano la tua nobiltà.
Ambito fiore ferito
implori salvezza dalla laguna,
ma appese al vuoto le speranze
a dondolare tra profeti vani
con conclusioni silenti.
Cielo e mare
in un unico abbraccio
raccolgono mille e mille orme,
che calcano secoli di storia,
ma il tempo sfrontato
nell’incognito sprofonda le tue radici.
Un angosciato grido,
fuso in canti di sirene,
sfiduciata innalzi
a squarciare il silenzio.




’E  CIACOE  DEA  ZENTE

Càpita, a volte, de prestare atension
ai discorsi dea zente
quando te s’in meso aea confusion.
A ogni età i sui e boni o bruti che i sia,
anche no vedendo, t’indovini sùbito eà categoria.
’E tose de musica e discute tute animà,
de teefonini, dei morosi che ’e ga.
" Varda queo un figo ciò!
Cossa goi da inventare parché el me possa notare?
Stasera su facebook sercarò el so profìo,
chel xe beo proprio come un dio."
Tre done basta, i dise, par fare marcà,
ma se te te fermi a scoltare
tre dame de ’na serta età
pare invesse de èssare in ospedae
’e se conta bose soltanto de mae.
"A quanto gheto eà pression ti?"
"Tanti doeori ae gambe, aea schiena mi."
"So ’nda torme l’èsito dei esami del sangue:
trigliceridi sbaeà, a éa che cura gai dà?"
E ’e mame? " Ah! Me fioeo davero un genio
de sicuro el passarà t’un ano el trienio."
"El me Leonardo porta casa diese più
bravo al pari de éo assoeutamente nessun."
"Voialtre parlè parché no gavì sentìo el mio
col vien in matematica interogà
el maestro resta a boca spaeancà."
E vanti cossì eà xe sempre quea
fin che gira el mondo stessa tiritera.
El forte riva incapandote
in siore da qualche tenpo sposae,
poareti i marìi da eore mai capìi,
de continuo tolti de mira dae so ciacoe
e par quanto i briga comunque criticà.
Qua gnente esenpi par no vegnere censurà.




EL  BALCON  SEGNATENPO

Tuti i santi dì, co me also, spaeanco el balcon
e el tenpo col peneo e eà tavoeossa
se presenta puntuae, sto burlon.
Mi in posa agrassià me meto
e éo se diverte a peneare
eà tea dea vita mia quasi co dispeto.
Ogni volta el zonta ’na ruga in più
e come chel disegna i difeti queo
no ghe xe proprio nessun.
Aea academia de Venessia
el ga d’averse laureà
co sentodiese e lode in crudeltà.
Verzo e riverzo sto balcon
da tanti e tanti ani ormai
un giorno chel sia in ferie varda: mai!
Aeora provo de posarlo sòeo in sbacio,
ma gnente da fare, fora nol voe stare.
"Mi no me se imbroja" el siga muto
segnando de no col deo,
incavoeà, atraverso eà sfeza
e cossì, anche se furba me credevo,
el furbo xe éo chel me fa fessa.
Podarò svejarme ’na benedeta matina
sensa sto invadente postà?
Go paura che quea matina là,
vardando el so grande capolavoro,
s’un canton a letere de oro
in bea vista eà firma ghe sarà,
parché el quadro dea me vita,
nonostante ’e proteste, finio el gavarà.      




IL SENTIERO DEI LILLA’

Camminar su vuoto sentiero
avvolta da brezza sottile,
nell’alto bambagiose nubi
catturano malinconici pensieri.
Tappeti di verde trifoglio,
d’impalpabili soffioni cosparsi,
aspettano corse a piedi nudi,
estese braccia di olmo ombroso
invitano, invece, al riposo.
Lontana dal caos
l’aria ha profumo di estasi,
rallentano i battiti
eludendo ansie quotidiane.
Trascorre il tempo
nel dolce far nulla,
rinfresca la sera
il turbinio di ricordi
di quando bambina
percorrevo, a te stretta,
lo stesso viottolo di lillà ricamato.
Ero leggera allora
mi guidavi,
fiorivo dalle tue sapienti labbra.
Ora solo una confusa immagine
mi accompagna
e in crepuscoli come questo,
pieno di affanno,
vorrei, ancora una volta, madre,
mi tenessi per mano.



ISOLA  AMARA

Spento ogni impegno
consuma le membra
tra giaciglio, poltrona
e camici bianchi.
Austera la dimora:
traboccante arnia
di povere anime in stallo
all’ultimo lido.
Implacabile la falce
spezza gli esili steli,
che già al tempo
si erano arresi.
Dolore e sconforto invitano
alla rassegnazione.
In un’isola amara
l’hanno confinata
e da sola, privata degli affetti,
rimane ad aspettare
quella voce cara,
che tarda ad arrivare.
"Domani forse, figlio mio,
sì, domani verrai"
Attendere quando anche i minuti
sono doni ormai scaduti.
…e tra giaciglio, poltrona,
camici bianchi
come sabbia nel palmo
scivolano i desideri stanchi.




SEGMENTI  DI VUOTO

                                                                     
Dedicato a te che vaghi
                                                                     nell’irreale mondo dell’Alzheimer

In questa vita confusa,
adagiata
in un mare d’incertezze,
come naufrago smarrito
affondi piedi gravi
in rena instabile.
Affannoso procedi
tendendo dita avide
a rami sterili.
Ti perdi
nel deserto delle illusioni
dove trascorri giorni
immersi nel bagliore
di un astro artificiale,
che ammalia
e trascina nell’onirico
quando la ragione cede
e i cocci al tempo si spargono.
Ricordi dissolti poi s’affacciano
da pudiche mani raccolti,
malinconico li accarezzi
consapevole che si frantumeranno
in segmenti di vuoto.
Vorresti spegnere il cielo
in sicuro grembo rifugiarti
e nel fluido buio assaporare
briciole di cantilene materne.
…e ancora sprofonda
in un pozzo di gelo la memoria
come cappio ti serra la gola
a soffocare una lacrima ribelle:
si strugge il cuore a mendicare
clemenza alle stelle.

Back to content | Back to main menu