Grazia Rizzato - gruppoartistidellasaccisica

Go to content

Main menu:

Poetry
 
The author studied psychology at the University of Padova and she is a former elementary school teacher. She published several collections of poems: “Life in pieces”, “Feelings”; she belongs to the poets’ association “Artists of the Saccisica” and she has been included in several anthologies “Habere Artem” and “Il Federiciano” (Aletti Editors). With Pagine Editors she published the poems’ collection “From afar” and other work in the collection “Travels of verse”, “The contemporary poets”, “The Parnaso”, other work with the Poeti Veneti and in the Anthology of the writers “Piacentino” from Padova. In the last two editions she took part to the “Poetry’s World Day”.

_____works_______________



 
ORIZZONTI LONTANI
 
 
Segue lo sguardo
 
la retta infinita
 
alfa e omega
 
di emozioni lontane.
 
 
Non più bagliori infuocati
 
spettri di esseri ormai vaganti
 
ove solo il dolore
 
nella vita aveva sapore.
 
 
Vedo volti sereni
 
oceani di gioia
 
non tracce di rabbia,
 
di mancato amore.
 
 
Sempre montagne di smuovere
 
ho cercato
 
abissi di melma rimesto
 
dove immobili membra sostano.
 
 
Futura umanità io vedo
 
in orizzonti lontani dipinta
 
tranquillizzate stelle
 
vegliano un mondo senza mastini.
 
 
 
 
 
IN RICORDO DELLA STRAGE DI CAPACI
 
 
 
Stampato nel cuore
 
è quel giorno
 
eroi per noi la vita
 
han donato
 
ogni speranza
 
è muro franato.
 
 
Da Prometeo il fuoco divino
 
in dono ricevuto
 
i cuori hanno incendiato
 
se pur la paura
 
l’anima invade.
 
 
Notti perenni scendono
 
solo rapide stelle cadenti
 
il cielo hanno squarciato
 
respiri sofferti
 
solcano un cielo
 
ormai spento.
 
 
Amara è la splendida terra
 
che dal grembo
 
Caino e Abele ha partorito
 
un mare di dolore rifulge
 
tanta gente è morta a Capaci.
 
 
 
 
 
NEGLI OCCHI
 
 
 
Brillano negli occhi tuoi
 
le stelle
 
cielo nero d’amore infuocato
 
per te che la vita
 
strada lucente
 
è diventata da quando il sorriso  
 
il  cuore mio ha inondato.
 
 
Stupita sul seno
 
t’ho accolta
 
da tanto tempo
 
sognata t’avevo
 
con me da sempre parlavi
 
da prima che io fossi
 
da prima che tu fossi.
 
 
Anche le notti rifulgono
 
fiammelle infinite
 
arabeschi disegnano
 
nell’oceano profondo
 
dove lo sguardo mio risale.
 
 
Quando cielo e terra
 
uniti saranno
 
I passi miei
 
sempre la scia seguiranno
 
di quell’eterno amor che a te mi lega.
 
 
 
 
ROSA NOVEMBRINA
 
 
Il capo schiuso
 
al cielo alzato
 
di un’estate ormai lontana
 
la finzione nascondi
 
il cielo grigio di rosa dipingi.
 
 
Spine leggere ti sfiorano
 
nell’aria muto profumo
 
si spande
 
la nostalgia consoli
 
di chi lontana ormai la primavera
 
sente.
 
 
Boccioli ho colto
 
di profumo la casa
 
inondavano
 
ogni stanza
 
colmavano.
 
 
Di sogni tinti
 
di speranze nell’aria
 
sospese
 
ovunque il loro ardore
 
il giorno inebriava.
 
 
 
 
 
AUTUNNO
 
 
Rapido il passo
 
il cielo i miei occhi
 
rapisce
 
non suoni e rumori intorno
 
crepitanti farfalle
 
intorno a me volano.
 
 
Della fisarmonica rosata
 
dolce la musica
 
nel cielo risuona
 
dai lontani colli
 
un filo di fumo
 
il tenue azzurro colora.
 
 
Sulle mie spalle
 
ogni peso
 
svanisce
 
dell’autunno i caldi colori
 
rasserenano l’anima mia
 
del dolce tramonto gode.
 
 

 
Back to content | Back to main menu